Pubblicato da: stefania | 2010/03/07

CAMPO FELICE : la mia neve a 100 km da Roma

CAMPO FELICE – ABRUZZO

WWW.CAMPOFELICE.IT

Un giorno andammo per la prima volta a LUCOLI,  a pochi chilometri da L’Aquila,  solo tre mesi prima del terribile terremoto che ha portato tanta distruzione e dolore e ancora tante giuste polemiche. Per chi come me allora non aveva mai nemmeno osato indossare un paio di sci, la breve gita a Campo Felice era una totale scoperta. Lucoli mi è rimasta nel cuore e piano piano un anno fa anche tutto il mondo legato agli sciatori del fine settimana.

Soltanto un mese dopo decidemmo di attrezzarci di tutto punto. Per me un vero atto di fiducia nelle mie intenzioni che sebbene serie non avevano la minima sensazione di ciò che sarebbe successo nei fine settimana a venire.

CAMPO FELICE, da me ribattezzato HAPPY CAMP, perchè è di felicità che si tratta e di SPENSIERATEZZA ma anche ADRENALINA pura per un’inesperta come me, è lì a pochi chilometri da casa mia. Certo, la levataccia del fine settimana non fa che assommarsi a quelle coatte della lunga settimana lavorativa ma lo spirito è talmente diverso che ne è valsa sempre la pena.

CAMPO FELICE, l’ho scoperta prima dal vivo solo per la vicinanza a LUCOLI dove stavamo passando qualche giorno di Capodanno e l’ho conosciuta nella sua quasi totalità in questi 15 mesi dalla prima volta in cui mi ero limitata a scivolare giù per le discese con lo slittino.

Molti amici e conoscenti hanno spesso storto il naso vedendoci così presi dall’andare a sciare nei fine settimana (andata e ritorno giornalieri) in un posto che non ha niente a che vedere con le ben più note e fiche località sciistiche delle ALPI, delle DOLOMITI: Svizzera, Francia, Italia  dove la parola SCI sembra avere un valore maggiore rispetto a noi poveri che ci accontentiamo di CAMPO FELICE.

Io qui ho imparato a sciare alla mia ormai grande età. Qui mi sono divertita e intenerita a vedere dei nanetti di 3-4-5 anni seguire con attenzione i propri maestri o seguire il papà di turno e scendere per piste per me inarrivabili. Qui ho avuto l’incoraggiamento del personale a bordo seggiovia o skilift in massima parte gentile e disponibile.

Al primo giro di boa, ho acquisito, dopo ore di lacrime e paure e brutte figure agli impianti di risalita trasformatisi in impianti di discesa in un paio di occasioni : ) una mia personale sicurezza e adesso riesco a mettermi alla prova ogni volta che posso. Certo ogni volta che faccio un passo in avanti metto anche un paletto nei confronti dei miei limiti, tantissimi, non avendo ancora preso mai una lezione seria da un maestro.

Lo sci è uno sport che proprio non capivo da esterna, solo guardandolo in tv oppure ascoltando l’entusiasmo di chi lo pratica fin da bambino e con bravura (sempre sulla fiducia!). Lo sci non è e non sarà mai per me uno sport ma un bel divertimento. Mi rilassa ma solo e quasi sempre dopo avermi stressato. Mi emoziona spesso facendo salire una buona dose di adrenalina che mi libera la testa da tutti gli altri pensieri che contano dal lunedì al venerdì costantemente.

Lo sci mi piace perchè ti fa stare con tanta altra gente in piena libertà e solitudine di pensiero e di sforzo. Certo a volte la solitudine dell’impegno viene spezzata o sfiorata da chi nella sua piena solitudine viene a scontrarsi con te… e non è sempre terribile. Non sono una purista dello sci  e ogni volta vedo chiunque andare sulla tavola dello snowboard provo anche un pò di invidia e alcune volte un pò di paura…. soprattutto quando da inaspettati fuori pista vedo arrivare nella mia direzione di sciatrice in “provetta” lo snowboarder di turno.

Un giorno proverò a salire anche sulla tavola visto che è la neve che mi affascina e anche stare in equilibrio e perchè non testare anche questo di sport. Un giorno, se mi capiterà di fare una vera e propria SETTIMANA BIANCA  in una località dolimitica o alpina dove i paesaggi tolgono il fiato, prenderò anche delle lezioni per correggere tutti i miei difetti di autodidatta.

Campo Felice mi piace anche perchè è vicina, si mangia bene negli chalets, posso comprare delle specialità abruzzesi (soprattutto la pizza con i cigoli del sabato o la torta fatta in casa della colazione)  ma poi anche non mi piace ed ecco alcuni perchè che la riguardano soprattutto in questa stagione 2009-2010:

– la strada dall’uscita del casello di Torrimparte fino agli impianti non è quasi mai battuta, spalata, “salata” nemmeno alle 9 del mattino, quando l’afflusso di auto da Roma e dintorni è ingente, finendo spesso di rovinare il sabato e ancor di più la domenica a chi si alza presto sperando proprio di non dover fare file inutili.

-una volta arrivati a destinazione, occorre fare/caricare i pass. Si pagano i pass e spesso, ai non addetti ai lavori, non si spiega benissimo che la card che si ricarica ha un valore di 3 euro essendo ricaricabile. La tariffa giornaliera di 33 (o 30 euro con la card ricaricabile) andrebbe, e il condizionale è d’obbligo, dalle ore 8.30 alle ore 16 (o 16,30  sul finire di stagione). Tuttavia, negli ultimi due mesi ci è capitato sempre di dover aspettare l’apertura di alcuni impianti anche fino alle 9.30 non essendo pronte le piste o i sedili o per altre motivazioni. Invece, la chiusura delle 16, viene sempre rispettata senza deroga alcuna.

– il pass di 4 ore durerebbe dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e questa regola andrebbe rivista in quanto, vista l’apertura spesso in ritardo degli impianti  (non dico di tutti ma parziali si) non permette di sciare 4 ore ma solo fino alle 12.30. In questo senso proporrei un passa ad ore e non diviso in “mattina” e “giornaliero”. Visti i prezzi, che comunque non sono bassi, sarebbe doveroso.

– i bagni, pensiamo a noi donne e ai numerosissimi bambini che ci sono, sono insufficienti a tutte le quote. Per ogni punto di ristoro o chalet ci sono una toilette (perchè quella guasta rimane tale per mesi.. e non si spiega), due, tre e il casotto “wc” che si trova vicino alla strada verso il parcheggio, è una specie di container (rinnovato quest’anno) che, data l’affluenza di persone, è totalmente inadeguato anche a livello di pulizia.

– i parcheggi credo siano sufficienti ma mal sistemati. La domenica si creano disagi alle autovetture che parcheggiano, senza saperlo in un’area dedicata al parcheggio dei bus (che sono numerosissimi e che altrove non disporrebbero dello spazio per le manovre) . Un addetto con paletta indica alla macchine di non parcheggiare in quell’area che invece dal lunedì al sabato non è ad esclusivo uso dei bus. Tuttavia mi chiedo, quanto potrebbe costare una segnaletica adeguata, leggibile, che non metterebbe in imbarazzo il signore con la paletta che deve fare avanti e indietro dagli automobilisti già incautamente parcheggiatisi e già calzati di scarponi. Non  è un modo adeguato di fornire le informazioni e scalda gli animi di tutti, anche dei più pazienti.

-file ovunque per prendere un caffè, per andare in bagno, prendere un panino, fare il pass, salire sulle piste… Sono naturali nel fine settimana a CAMPO FELICE ma forse se anche tutti le rispettassero con dosi di pazienza sarebbe più facile e felice per tutti.

– infine i bambini delle scuole di sci ai quali sembra sia stato insegnato di poter passare sempre e ovunque agli impianti di risalita anche dove non ci sono i passaggi a loro dedicati. E senza molta educazione (e guardando alcuni maestri si capisce il perchè) trovano a scontrarsi con adulti che non li lasciano passare senza uno “scusi”, un “pemesso” o anche un semplice sorriso.

Prima o poi si cresce tutti e questo non va.

Il paesaggio è bello e si scia, soprattutto in giornate di sole e senza vento, a pieno contattto con la natura, gli alberi innevati, le rocce che si intravedono sotto la neve che ahimé va sciogliendosi, i picchi degli Appennini tutt’intorno.

Io scendo e salgo. Ma spesso mi fermo così quando, distraendomi incauta, scorgo qualcosa che ho voglia di fotografare, lo faccio. I miei amici che spesso sono capitati sulla pista con me…sono sottoposti nei momenti più impensabili a essere i protagonisti del mio reportage personale.

Questa è la mia CAMPO FELICE. Tutte le volte che abbiamo potuto e nel resto dell’anno, nei ricordi.

 

WWW.CAMPOFELICE.IT


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: